Home » Ambiente » Le sette destinazioni “must” del 2017

Le sette destinazioni “must” del 2017

Perché si celebrano eventi importanti o perché sono state insignite con un titolo speciale. O semplicemente perché sono attraenti di per sé e non esiste una ragione particolare per meritare una visita. Queste sono le destinazioni “must” del nuovo anno, che non potete perdervi se uno dei vostri obiettivi è “divorare il pianeta”.

Finlandia
Fa parlare già dal primo minuto del 2017 perché questo è l’anno in cui celebra il secolo trascorso dall’indipendenza. A tal fine, il paese nordico ha elaborato un programma traboccante di eventi: più di duemila sparsi in tutte le regioni, attraverso i quali si cercherà di esaltare l’identità che le unisce. Sotto lo slogan “Insieme” si terranno innumerevoli concerti, mostre, eventi sportivi relazionati alla famosa sauna, fino all’inaugurazione di un nuovo parco nazionale.

Colombia
Dopo decenni vissuti nell’ombra, emerge con forza questo paese ricco di attrazioni. La pace recentemente conseguita indica che, finalmente, la Colombia è una destinazione sicura, e che è arrivato il momento di mostrare al mondo la sua ricchezza: le vette delle Ande, la costa caraibica, la foresta amazzonica, le città coloniali … abitata da persone benevoli e ospitali. Anche Papa Francesco ha annunciato una sua visita in questo 2017.

Mosca
La capitale russa si sta preparando a celebrare il centenario di una delle grandi pietre miliari nella storia del genere umano: la rivoluzione del 1917 che ha rovesciato il regime zarista per instaurare il governo bolscevico. Un motivo più che sufficiente per visitare questa bella città di grande architettura, con monumenti imprescindibili come la Piazza Rossa, il Cremlino e la Cattedrale di San Basilio.

Etiopia
Una fauna selvatica impressionante, chiese leggendarie scavate nella roccia, palazzi di evocazione biblica, montagne spettacolari, vallate con una ricchezza etnica unica … Pochi luoghi sono capaci di riunire una tale ricchezza di esperienze indimenticabili come il bel paese africano, che nel 2017, sarà più collegato che mai, grazie ai voli più frequenti dell’ Ethiopian Airlines. Tutto ciò, insieme allo sviluppo raggiunto negli ultimi anni, ne fanno una delle principali destinazioni per autentici viaggiatori.

Aarhus (Danimarca)
E’ la seconda città più grande della Danimarca, capitale della regione dello Jutland, che quest’anno è stata battezzata Capitale della Cultura Europea, un’occasione per scoprire il suo fascino. Questa metropoli fondata dai Vichinghi ha una lunga storia, ma, allo stesso tempo, gode anche di una vivace presenza giovanile: più di 40.000 studenti, un centro artistico e culturale presieduto dal museo ARoS e i molteplici festival come l’Aarhus Festuge, risalente al 1965.

Pafos (Cipro)
Questa città della costa sud-occidentale di Cipro, lambita dalla mitologia, è la seconda Capitale della Cultura Europea. Un calendario di attività servirà a commemorare questo titolo in un angolo appena transitato ma ricco di attrazioni: monasteri medievali e chiese bizantine, un vecchio porto ai piedi di un castello e tutta l’essenza mediterranea nel luogo che ha dato i natali ad Afrodite.

San Francisco
La città californiana celebra il 50 ° anniversario della Summer of Love, il mitico evento che confluì nel movimento hippie (fiori tra i capelli, simboli di pace, colori psichedelici …). Per questo il 2017 è l’anno giusto per rivivere questa febbre giovanile nel quartiere di Haight-Ashbury di San Francisco. Numerosi eventi culturali si terranno per le strade, emulando l’esplosione della controcultura che ha lasciato il segno nel mondo.

Autore: Redazione
Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *